PIANTE NELLA BIBBIA 

 

CUMINO

 

«Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima sulla menta, sull’anéto e sul cumìno, e trasgredite le prescrizioni più gravi della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà» Matteo 23,23


In questo passaggio Gesù critica l’ipocrisia dei farisei che si presentano a pagare la decima con erbe comuni come la menta e  semi piccoli che richiedono poca cura come il cumino, simulando virtù morali, devozione religiosa, e in genere buoni sentimenti, buone qualità e disposizioni, per guadagnarsi simpatia e favori di un Dio, con offerte dettate dal calcolo e dall’interesse.

"Non stare vicino ad una pianta avvizzita. Prendi subito dell'acqua"

LA FARMACIA DI DIO

 

Il cumino è una pianta erbacea della famiglia delle Apiaceae (ombrellifere). E’ una pianta annuale con fusto alto da 24 a 40 cm, maggiormente ramificato nella parte superiore. Ci sono vari tipi di cumino:  il cumino siriano, il cumino dei prati (quello che si usa comunemente in cucina), quello persiano e la Nigella sativa o cumino nero.. Qualunque sia il vostro preferito, ogni cumino ha la stessa azione carminativa. Cosa significa «azione carminativa» è presto detto: si definiscono carminative droghe vegetali in grado di alleviare disturbi legati alla distensione del tratto gastrointestinale. Non è ancora chiaro? Ebbene, le droghe carminative sono in grado di interferire con la formazione di aria e promuovere l’eliminazione di gas intestinali grazie a fenomeni di flatulenza e meteorismo, mediante un’azione di rilassamento della muscolatura liscia del tratto gastrointestinale. Mi vien da pensare che i farisei lo sapessero, visto che, guarda caso, menta, cumino, anice, ovvero le piante che hanno portato per la decima, sono tutte carminative e hanno tutte la stessa azione antigonfiore: il finocchio ha attività miorilassanti e il mentolo inibisce la contrattilità della muscolatura liscia dell’intestino. 

Cumino sembra derivi dalla parola sumerica “gamun” o dall’arabo “kam-n”, secondo una leggenda antica sembra che la parola derivi da Kerman, una piccola cittadina maggior produttrice di cumino all’epoca dei Persiani. A questo proposito esiste un’espressione “portare cumino a Kerman” per dire che si sta facendo una cosa inutile.

La pianta da cui deriva prende il nome di Cuminum cyminum L. ed è originaria della Siria, i fiori sono di colore bianco o rosa più o meno intenso. Sono raccolti in ombrelle molto irregolari. I frutti sono acheni, contengono un singolo seme, hanno forma allungata e sono molto aromatici. 

Inoltre, i semi hanno forma allungata e sono di colore marrone con una gradazione dorata. Hanno un aroma intenso, pungente e leggermente piccante. Del cumino si usano i semi messi a maturare e poi a seccare. Fin dai tempi antichi, soprattutto in India veniva impiegato per le sue proprietà sui capelli, poiché può aiutare a diminuire la formazione delle doppie punte e della forforaSe utilizzato come decotto, quindi per fare degli impacchi sui capelli, può apportare maggiore  lucentezza e brillantezza, idratare il cuoio capelluto e rendere i capelli morbidi. Anche la pelle può godere dei benefici del cumino. Dato che è ricco di vitamina A, C, E, ha un possibile effetto “anti-age”, può aiutare a favorire la stimolazione della produzione di collagene.

 

 IN RILIEVO

  ACEBLAM

SCARICA NOTIZIARIO

 

NOTIZIE

NEWS EVANGELICHE

 

SOSTIENICI

DONARE FA BENE

 

ACCOGLIENZA

OSPITALITA' 

 

UNISCITI

DIVENTA MEMBRO

 PASTORE

SIMONE CACCAMO

 

UFFICIO SEGRETERIA

DANIELA UNCINI

 

CONCERTI E PIANOFORTE

GETA TEPES BILLA

georgeta.tepes@yahoo.it

Cellulare 320. 013. 9110

dalle 17.00 alle 20.00