COS'E' L' ANT ???

La Fondazione ANT nasce nel 1978 a Bologna come Associazione nazionale per lo studio e la cura dei tumori solidi, per volontà del Prof. Franco Pannuti. Il "Credo" dell'ANT e di tutti i suoi operatori è l'EUBIOSIA (dal greco antico "buona vita", intesa come "L'insieme delle qualità che conferiscono dignità alla vita").

L'attività della Fondazione rappresenta la più ampia esperienza al mondo di assistenza socio-sanitaria domiciliare gratuita ai Malati di tumore. Dal 1985 ad oggi (dato aggiornato al 31 Dicembre 2010) ANT ha assistito oltre 80.000 Malati, 24 ore su 24, tutti i giorni dell'anno, in modo completamente gratuito, per un totale di oltre 13 milioni di giornate di assistenza erogate. I Malati assistiti nei 20 Ospedali Domiciliari Oncologici ANT (ODO-ANT) presenti in nove regioni d'Italia sono più di 3.300 ogni giorno. Si tratta di un'assistenza specialistica effettuata da Medici, Infermieri, Psicologi, Nutrizionisti, Fisioterapisti, Operatori socio-sanitari, Farmacisti e Funzionari che portano al domicilio del Malato ed alla sua Famiglia tutte le necessarie cure di tipo ospedaliero e socio-assistenziale.

La formazione si distingue come un'altra delle attività principali della Fondazione ANT, insieme allo sviluppo di progetti di ricerca. Inoltre, ANT non è solo assistenza, ma anche Prevenzione: dal 2004 ad oggi sono più di 32.000 le visite di prevenzione gratuite realizzate dalla Fondazione ANT in 32 diverse province nell'ambito del solo Progetto Melanoma. Dal 2009 sono attivi programmi di prevenzione anche per i tumori ginecologici, per il carcinoma della mammella e della tiroide.

Scrivi commento

Commenti: 0

   IN RILIEVO

PASTORE

SIMONE CACCAMO

UFFICIO SEGRETERIA

DANIELA UNCINI

 

 CONCERTI E ACCOGLIENZA

 

GETA TEPES BILLA

 georgeta.tepes@yahoo.it

Cellulare: 320. 013 9110

“O Signore, al mattino tu ascolti la mia voce: al mattino ti offro la mia preghiera e attendo un tuo cenno”

 

Salmo 5,3

ANGOLO DELLA POESIA

 

       
"Se questo è lo svanire, lasciate che io subito svanisca. Se questo è il morire, seppellitemi in tale rosso sudario"

Emily Dickinson