Lettera aperta al Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro

Il Presidente
Raffaele Volpe
Al Vescovo
della Diocesi di San Marino-Montefeltro
Mons. Luigi Negri
Piazza Giovanni Paolo II, 1
47864 Pennabilli (RN)
e p.c. al Cardinale Kurt Koch,
Presidente del Pontificio Consiglio
per la Promozione dell’Unità dei Cristiani
00120 Città del Vaticano
Roma, 30 settembre 2011
Lettera aperta al Vescovo
della Diocesi di San Marino-Montefeltro


Reverendo fratello Negri,
in quanto Presidente dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia, Le
scrivo in merito ai fatti avvenuti in questi ultimi tempi che hanno coinvolto l’ex
parroco Luca De Pero.
Ho deliberatamente ritenuto di intervenire soltanto ora perché ho voluto
rispettare i necessari silenzi che dovrebbero accompagnare ogni drammatico
cambiamento nella vita di una persona. Purtroppo, come Lei saprà bene, viviamo in
una società segnata da chi grida di più e da chi offende l’altro con maggiore
efferatezza ed il silenzio, a volte, è il rimedio più efficace. Ma affinché il silenzio non
sia omissione, credo che i fatti avvenuti e le cose che sono state dette e scritte
richiedano ora l’uso della parola.
Vorrei richiamare alla Sua attenzione la Carta Ecumenica, pietra miliare nel
cammino ecumenico delle chiese cristiane europee, sottoscritta a Strasburgo il 22

aprile 2001 dalla Conferenza delle Chiese Europee, di cui l’Unione Battista è
membro, e dal Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa. Lo faccio con spirito
mansueto, senza alcuna volontà polemica, ma convinto della necessità di far
chiarezza su alcune sue affermazioni che mi hanno alquanto sconcertato.
La Carta dichiara quali sono i nostri impegni di chiese europee e nel secondo
capitolo, al punto 2 dice:
Ci impegniamo a riconoscere che ogni essere umano può scegliere,
liberamente e secondo coscienza, la propria appartenenza religiosa ed
ecclesiale. Nessuno può essere indotto alla conversione attraverso pressioni
morali o incentivi materiali. Al tempo stesso a nessuno può essere impedita
una conversione che sia conseguenza di una libera scelta.
Per tanti secoli l’Europa è stati insanguinata da chi ha creduto di poter indurre
conversioni e, viceversa, da chi ha impedito che si potesse esercitare la libera scelta
in materia di fede. Su questi temi le nostre chiese sono tutte in qualche modo
responsabili, benché non Le posso nascondere una gioia evangelica nel sapere
quanto i nostri progenitori battisti si siano spesi in Europa e nell’America per la
libertà religiosa e, ancor più, per la libertà di coscienza.
Come interpretare la storia di un ex parroco che si converte a Cristo? Molto
semplicemente come la storia di una persona che non aveva ancora conosciuto Cristo
e che lo ha conosciuto. Non dovrebbe far notizia il fatto che si trattasse di un
sacerdote cattolico o di un pastore battista, ma che era un uomo senza Cristo e ora è
un uomo con Cristo. Questa è una buona notizia, questo è evangelo! Che non avesse
conosciuto Cristo in tanti anni nella Chiesa Cattolica Romana non è un giudizio
verso la Sua Chiesa: quanti uomini e quante donne frequentano infatti le nostre
chiese senza aver conosciuto Cristo? De Pero ha conosciuto Cristo ed ha esercitato il
diritto di una libera scelta. L’unica vera libertà che ci è concessa da Dio direttamente:
di credere nel suo Figliolo Gesù Cristo.
Negli interventi sul sito della Sua diocesi, Lei ha utilizzato un linguaggio che mi
ha profondamente ferito. Non è mio compito discettare sullo stato psicologico di De
Pero e su qualche sua mancanza nei Suoi confronti e nei confronti della Sua Chiesa.
Questo, comunque, non giustifica il Suo tono nei nostri confronti.
Le rammento i suoi commenti in ordine di gravità:
• Il padre delle tenebre e della menzogna sferra un colpo grave nella
nostra Chiesa.
• Avvenimento tremendo e terribile prova.
• Atteggiamento dissennato e inizio di una vita negativa
• Non si tratta di manifestazione di fede ma di offesa alla chiesa
Come ben vede, questa lettera è inviata per conoscenza al Cardinale Kurt
Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani,
con la speranza che Egli possa ricordarLe che il linguaggio da Lei utilizzato non fa
più parte, per bontà di Dio, del vocabolario ecumenico. Siamo passati per la porta
stretta del reciproco rispetto e abbiamo abbandonato la porta larga della reciproca
scomunica. E benché la porta sia stretta, è senz’altro quella che il Cristo ha voluto
che noi attraversassimo.
Con la convinta speranza che Lei possa accogliere questa mia come una
fraterna comunicazione, La saluto in quell’amore in Cristo che accomuna tutti i suoi
figli e le sue figlie,
Suo servo in Cristo,
Raffaele Volpe
Presidente UCEBI

Scrivi commento

Commenti: 0

   IN RILIEVO

PASTORE

SIMONE CACCAMO

UFFICIO SEGRETERIA

DANIELA UNCINI

 

 CONCERTI E ACCOGLIENZA

 

GETA TEPES BILLA

 georgeta.tepes@yahoo.it

Cellulare: 320. 013 9110

“O Signore, al mattino tu ascolti la mia voce: al mattino ti offro la mia preghiera e attendo un tuo cenno”

 

Salmo 5,3

ANGOLO DELLA POESIA

 

       
"Se questo è lo svanire, lasciate che io subito svanisca. Se questo è il morire, seppellitemi in tale rosso sudario"

Emily Dickinson