Ricordo di Aldo Campennì

E’ ‘n po’ che Aldo

da  stà  tera  s’è allontanato

pè raggiunge prima dè noi  il  Padre amato.

E in questa giornata

che a lui è dedicata, come se dovessi scrive

su un libro ideale,

me piace  ricordà,  alcune,  fra le tante qualità

de’  st’amico  speciale

speranno de fa cosa gradita

anche a la famija sua naturale!

Allora co’ profondo affetto

e anche co’ ‘m po’ de nostalgia, m’accingo a ricordà,

senza ‘n filo de buscìa,

sto gigante d’omo,

dè statura piccoletto,

ma con gran core drento ar petto

e a lui me rivorgo parlandoie diretto!!

Aldo caro, noi crediamo, lo sai,

crediamo in Dio, in quel Padre che nun ce lascia mai

e ner pensiero mio io me te immagino

lassù che, con umirtà,

ma puro con pizzico de ansietà

e cor solito ‘ngegno che tè distingue la testa,  

a Lui jè dirai:

aho! Te raccomanno i parenti

e tutti l’amici miei

e soprattutto  resta vicino alla mia chiesa laggiù in città

e nun smette, la fede, de teneie desta!!

Nun me scordo quanno da la panca

con affetto e infinita dorcezza

me chiedevi:  com’è che mamma manca?

Nelle case, come se fosse adesso,

la Bibbia

te vedo  insegnà

simile a  n’araldo preciso e onesto

e, ancora,

co’  la calma e col pensiero  capace

in ogni assemblea vivace

ce riportavi

a meio ragionà!!

Un ricordo, poi,

c’ho fisso nella mente,

quanno quell’occhi tuoi  vedevo brillà

perché dicevo:

me raccomanno,

un saluto caro

a Luciana tua devi portà!

Te vedo insieme a Luca,

il fratello esuberante

per noi eravate un esempio

de rispetto e fede costante!

Davanti a me compare, ‘nsomma,

n’omo eccezionale,  der quale abbiamo apprezzato

la  compostezza, la modestia

e la grande  riservatezza.

Certo, co’ tutto stò prestigio,

caro fratello e amico

e quanno te rimanneno più quaggiù,

ce lo sanno  che in pochi so come sei tu !!

L’Eterno, stretto te se tiene eh,

lo credo  bene!!

Se sente che da lassù  ha esclamato:

finarmente quarcosa de bono

da la tera è arivato!

Da sto monno,  

volemo  dì   ‘n  po’ “animato”? quanno  je  ricapita più

de vedè  salì  ‘n  fijo  così,  per giunta magistrato

puro preparato, moderato e finanche timorato!?!

Che dire,  ancora,

in questa stanza,

è inutile negallo, è un mistero, Aldo caro,

la tua come ogni assenza,

però, a quarcuno sembrerà quasi strano

ma pè ‘n gioco dell’amore sovrano,

qui se sente ancora forte

er profumo dè la tua presenza!

Cari tutti, se fin qui ho anche un po’ scherzato

pè cercà de guardà tutto

co’  ‘n occhio un po’ sdrammatizzato,

ve prego,  però,  credete,

è tutto vero quello che de Aldo ho raccontato.

Nun sapemo quanto dura  l’intervallo

che ce separa da ‘sto amato fratello

ma prendendo da lui, come da tutti voi il commiato,

‘na preghiera  voio elevà

a quel Padre che ho menzionato

perché un giorno

ce faccia tutti insieme da Lui ritrovà

 pè  potecce  forte,  forte de novo  abbraccià !!

Un saluto affettuoso, infine, desidero lasciare,

a Luciana e Gabriella

moglie e figlia de quell’omo speciale!!


Anna Rita Di Carlo

Chiesa  cristiana evangelica Teatro Valle

22  gennaio  2012

 

Scrivi commento

Commenti: 0

   IN RILIEVO

PASTORE

SIMONE CACCAMO

UFFICIO SEGRETERIA

DANIELA UNCINI

 

 CONCERTI E ACCOGLIENZA

 

GETA TEPES BILLA

 georgeta.tepes@yahoo.it

Cellulare: 320. 013 9110

“O Signore, al mattino tu ascolti la mia voce: al mattino ti offro la mia preghiera e attendo un tuo cenno”

 

Salmo 5,3

ANGOLO DELLA POESIA

 

       
"Se questo è lo svanire, lasciate che io subito svanisca. Se questo è il morire, seppellitemi in tale rosso sudario"

Emily Dickinson