VEDERE È CREDERE?

Alcuni cristiani sono alla ricerca di un'esperienza quasi magica e soprannaturale che fa loro disperatamente desiderare un «io non so cosa» che li trasformi subito, una specie di elettrochoc che li libera dai pesi e dalle catene che costituiscono per essi le loro relazioni con gli altri e con se stessi. Essi credono che è in questo che risiede un'autentica esperienza spirituale. Essi pensano che l'opera dello Spirito Santo consiste a far loro conoscere delle sensazioni dello stesso tipo che quelle della droga.

Una fede che dipende solo dai miracoli non reggerà con il tempo specialmente quando si dovranno affrontare le tempeste della vita, quando ad esempio chiediamo a Dio la guarigione di un nostro caro, oppure che ci tolga da una situazione pesante e riceviamo una risposta negativa. il Signore è lo stesso di ieri, di oggi, e di sempre, può fare ancora miracoli ma noi non dobbiamo insistere con volerli a tutti i costi. La fede che nasce dalla predicazione e dalla meditazione della Parola di Dio è la vera fede.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    cristina (domenica, 15 aprile 2012 20:02)

    ...e' proprio cosi' non possiamo condizionare Cristo ! Sia fatta solo la sua volonta' ed a noi, cristiani...spetta affidarsi a Lui.Pregare serve, ma non dobbiamo cadere nella trappola che la risposta Sua deve essere quella che noi vogliamo avere...Brava Valeria, e' propio cosi'.

  • #2

    Susanna Spinella (lunedì, 16 aprile 2012 07:17)

    Anche quando per noi Dio è silenzioso opera per il nostro bene. Solo che noi non conosciamo il nostro futuro, Lui si. Una sorella di chiesa raccontava sempre che quando si era sposata per i rimi anni non era rimasta incinta. Ha pregato: Signore meglio dieci figli che niente! Ha avuto quattro, che ha cresciuto con molti sacrifici, ed il suo commento è stato sempre : Per fortuna Dio non ha ascoltato la mia preghiera. I segni del suo Amore li abbiamo tutti i giorni, siamo noi che non riusciamo a "sentirlo" nella forza interiore e "vederlo" in coloro che ci stanno intorno quando dobbiamo affrontare il buio della tempesta. E' difficile in questi momenti lasciare libera la strada della fede. Gesù, ai dubbi di Tommaso, dopo otto giorni ha risposto. Non lo ha condannato!

  • #3

    chiesa-battista-t-valle27 (martedì, 17 aprile 2012 18:45)

    grazie per il vostro contributo!!!

  • #4

    paola (venerdì, 20 aprile 2012 08:30)

    ciao valeria sono paola, una sorella della chiesa di trastevere, il tuo sito è bello e facilmente accessibile, sono contenta di aver ritrovato una sorella che ama CRISTO come me un saluto, un abbraccio!

  • #5

    chiesa-battista-t-valle27 (venerdì, 20 aprile 2012 18:38)

    grazie Paola un saluto in Cristo

   IN RILIEVO

PASTORE

SIMONE CACCAMO

UFFICIO SEGRETERIA

DANIELA UNCINI

 

 CONCERTI E ACCOGLIENZA

 

GETA TEPES BILLA

 georgeta.tepes@yahoo.it

Cellulare: 320. 013 9110

“O Signore, al mattino tu ascolti la mia voce: al mattino ti offro la mia preghiera e attendo un tuo cenno”

 

Salmo 5,3

ANGOLO DELLA POESIA

 

       
"Se questo è lo svanire, lasciate che io subito svanisca. Se questo è il morire, seppellitemi in tale rosso sudario"

Emily Dickinson